parole · racconto

E se un giorno fossero canzoni?

M’innamoro facilmente. Di persone, di cose, di sentimenti, di gesti. Di sorrisi, di idee, di voci, di mani. M’innamoro di parole. Dette, sentite, sognate, sussurrate, urlate. Cantate, vissute, uccise, strappate, soffocate. Storpiate, taciute, sottintese, fraintese, glaciali. M’innamoro sempre. Della vita, del sole, dei desideri. Del tempo, delle speranze. Dei dolori, delle contraddizioni. Tutto l’Amore che… Continua a leggere E se un giorno fossero canzoni?

Senza categoria

Anna

Anna ha carattere. Sa trovare la forza quando si deve battere per risalire la corrente. Anna sa perdere. Sa imparare dalla vita quando deve ricominciare per capire dove non tornare. Ha gli occhi scuri. Ha i capelli scuri. Ha la pelle scura. Il sorriso la illumina. Anna ha sofferto. I giorni passavano, lei non aveva… Continua a leggere Anna

parole · racconto

19 Agosto 2020 (4 anni dopo) #savetheday

Quattro anni. Non potevo non commemorare. Le intenzioni iniziale erano ben altre ma poi arriva l'annuncio di #savetheday e tutto mi sembra più bello. Commemorazione, quindi, che eviterà la classifica del più stronzo e si concentrerà su cosa ho imparato. In quattro anni si imparano tante cose ed ora provo a riassumerle. Ho imparato che… Continua a leggere 19 Agosto 2020 (4 anni dopo) #savetheday

Senza categoria

Lettera di un educatore al Presidente del Consiglio e, per estensione, ai cari politici (eroi e poi?)

Caro Signor Presidente del Consiglio e, per estensione, cari politici tutti; vi scrivo oltrepassando la vostra posizione politica, la vostra visione ideologica, la vostra strategia di marketing nel gestire il ruolo che ricoprite; vi scrivo oltrepassando la mia posizione politica, la mia visione ideologica, la mia strategia di marketing nel ricoprire il mio ruolo di… Continua a leggere Lettera di un educatore al Presidente del Consiglio e, per estensione, ai cari politici (eroi e poi?)

Senza categoria

Del perché scrivere oggi (pensieri di campane, sirene, parole e occhi)

Trovare parole da scrivere, in questi giorni, non risulta semplice. Trovare motivi per non scrivere, in questi giorni, risulta più semplice. Scorgere i concetti su cui focalizzarsi nello scrivere, in questi giorni, risulta piuttosto arduo. Del perché scrivere oggi, in fondo, ne ignoro il motivo. Sento solo sia giusto farlo, per il famoso motivo che,… Continua a leggere Del perché scrivere oggi (pensieri di campane, sirene, parole e occhi)

#favola · parole · racconto

O / L / I / V / E / R / 2 (April 2019) English version

Premise: I received several requests for the publication of some articles in English. I try, premising my not excellent translation skills. happy reading, people of the world.   Here we are, slowly arrived at April 2, 2019. Here we are, quickly arrived on April 2, 2019. Here we are; regardless of any travel speed; arrived,… Continua a leggere O / L / I / V / E / R / 2 (April 2019) English version

Senza categoria

O/L/I/V/E/R (english version)

Premise: I received several requests for the publication of some articles in English. I try, premising my not excellent translation skills. happy reading, people of the world.   The title makes you tremble. I tremble. They tremble. You would tremble. I'm afraid. They fear them. You would fear. I row. They row them. You would… Continua a leggere O/L/I/V/E/R (english version)

parole · racconto

Non sei sola

Non sei sola. Quando le tue parole feriscono gli altri. Non sei sola, ci sono anche gli altri. Non sei sola. Quando ti comporti come se l'altra persona non esiste. Non sei sola, c'è anche l'altra persona. Non sei sola. Quando sul lavoro sei promotrice di malelingue, allontanamento, isolamento, mobbing, gosthing, cattiveria e vendetta contro… Continua a leggere Non sei sola

racconto

O/L/I/V/E/R/2 (Aprile 2019)

Eccoci, lentamente arrivati al 2 aprile 2019. Eccoci, velocemente arrivati al 2 aprile 2019. Eccoci arrivati; prescindendo da qualsivoglia velocità di viaggio; arrivati, a prescindere. Bisogna solo capire cosa sia risultato più importante. Il viaggio? La meta? La direzione? La velocità? La spinta? Gli ostacoli? Le gioie? Le dimenticanze? I dolori? Le ricordanze? Stando a… Continua a leggere O/L/I/V/E/R/2 (Aprile 2019)

racconto

O/L/I/V/E/R

Il titolo fa tremare. Tremo io. Tremano loro. Tremeresti tu. Temo io. Temono loro. Temeresti tu. Remo io. Remano loro. Remeresti tu. Dai, prima di scriverti fammi giocare un po' con le parole. Sono talmente tante le parole del mondo che è un grosso lavoro scegliere quelle giuste, quelle da mettere una vicina all'altra, qui,… Continua a leggere O/L/I/V/E/R

favola · parole · racconto

La favola della nonna di Rocco (parte sesta)

Tanti sono i modi per sopravvivere. Neppure per sopravvivere, direi modi per non morire di più. Modi per rimanere vivi per semplici meccanismi biologici. Modi per rimanere vivi solamente perché non si ha abbastanza coraggio per accettare di essere morti. Si adottano strategie, si assumono soluzioni, si ostenta vita. Dopo la morte di Rocco, credo… Continua a leggere La favola della nonna di Rocco (parte sesta)

parole · racconto

Le persone cattive

Vivendo in un mondo a tratti surreale, ho sempre pensato di poter dividere le persone in due categorie: persone buone e persone cattive. Non mi sono mai posto molti filtri sull'ingresso delle persone nella mia vita; tutti sono sempre stati i benvenuti con l'automatico inserimento nella categoria persone buone. Ho sempre ritenuto la cattiveria una… Continua a leggere Le persone cattive